martedì 8 agosto 2017

Uno psicanalista a Roma (un altro)


Lasciati andare (Woody Allen, 2016)

Elia Venezia (Toni Servillo) è uno psicanalista che ha bisogno di perdere chili. Claudia (Verónica Echegui) è una personal trainer che ha bisogno di mettere ordine nella propria vita, ma che non può evitare di sconvolgere quelle di chi incontra. Se fosse un film, non potrebbero che incrociarsi. Ah, ma è davvero un film! E di Woody Allen! Di nuovo a Roma, stavolta nella magica cornice del Ghetto! Una commedia che è una sarabanda di trovate, dove si riflette ma si ride anche a crepapelle, e finalmente si rivede in forma il Maestro! Magari, in realtà no.

Lasciati andare (Francesco Amato, 2016)

Elia Venezia (Toni Servillo) è uno psicanalista. Si capisce perché assomiglia non tanto a Freud (calvo, la barba bianca, a un certo punto gli mettono in bocca pure il sigaro) ma alle vignette di Freud. Anche i suoi pazienti continuano a sembrare macchiette dei pazienti degli psicanalisti delle barzellette, secondo una tradizione cinematografica italiana che data almeno da Caruso Pascoski e prosegue, purtroppo, nei tardi film di Moretti (mi ricordo che una volta, credo da Fazio, Moretti ammise che nessuno nel suo staff di scrittori era mai andato in analisi, e questo succedeva dopo che erano usciti già almeno due film in cui Moretti interpretava uno psicanalista, che vorrei dire: almeno un po' documentarsi, no? cosa può costare prendere cinque-sei appuntamenti, giusto per capire come funziona? Beh in effetti può costare parecchio, ma non varrebbe la pena? Uno si sdraia, no guardi dottore non ho nessun problema serio, volevo soltanto fare un po' di esperienza perché sto scrivendo un film e non vorrei cadere nei soliti stereotipi? - Tempo tre sedute e stai già confessando che a tredici anni avevi ideato l'omicidio perfetto, ovviamente di tuo padre). (Anche in Lasciati andare, come in Habemus Papam, l'ex moglie dello psicanalista è psicanalista a sua volta - in questo caso è Carla Signoris, che fa piacere rivedere al cinema).


Francesco Amato ha diretto tre film in dieci anni (continua su +eventi!)

6 commenti:

  1. questo no. questo film non lo vedrò: la mia religione mi vieta di guardare film con toni servillo. dopo "la grande bellezza" il divieto è assoluto e totale, quindi mi fido di te.
    però senti questa: un paio di sere fa correvo e invece della mia musichella ho messo raitre "holliwood party", era la versione estiva e consisteva nella parte sonora del film "io e annie" di woodi allen... naturalmente l'avevo già visto e mi era piaciuto, riascoltandolo ho capito 2 cose: oreste lionello era terribile e la qualità della scrittura (la sceneggiatura) dei film di allen non è davvero paragonabile alla schifezza media dei film italiani

    RispondiElimina
  2. oh, per tutti i recusi e gli orrori d'ortografia famo un conto unico eh

    RispondiElimina
  3. E' ormai un luogo comune di tanti intellettuali di sinistra italiani che bisogna parlare male di woody allen.
    E' tutto iniziato negli anni 2000, quando la gente non andava a vedere i nuovi film di allen, e tuttavia diceva che quelli vecchi erano meglio.
    Ora lo si critica tout-court, riuscendo per giunta a paragonarlo alle commedie italiane, che da 20 (30?) anni riciclano caratteristi e battute senza portare alcuna originalità.
    Non capisco. A me sembra così evidente che allen e qualunque regista di commedie italiano giochino in campionati diversi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente tutti questi intellettuali di sinistra che parlano male di Allen non li frequento. Credo che sia normale per chi recensisce i suoi film notare che non è più in forma come qualche tempo fa (che è il minimo per un 80enne che fa un film all'anno).
      Si tratta senz'altro di un caso a parte di regista-artigiano, che non si può paragonare a un'intera industria (al limite ad altri registi che si sono creati una specie di industria a sé, non so, Rohmer, forse Altman). Però se c'è una cosa che non ha senso aspettarsi da lui è proprio l'originalità: non solo perché non la ottiene, ma credo che proprio non gli interessi. Lui ha un'idea del cinema abbastanza fuori dal tempo, scrive copioni molto teatrali, ma una storia come quella di Lasciati andare potrebbe benissimo essere un suo trattamento: sia lo psicanalista, sia la ragazza selvaggia, sia il rapinatore sensibile, sono tipici personaggi alleniani che ritornano in più film.

      Elimina
  4. sì - sandrello - hai perfettamente ragione. sì è creato una specie di contro-pregiudizio. eppure quello che trovo nei film (non tutti) di allen è un sacco di roba geniale che - in gran parte dei film italiani - mi sa che è assente da un bel po' (la roba geniale)

    RispondiElimina
  5. Ciao per tutti i vostri soldi prestito o progetto di finanziamento esigenze si prega di contattare questa signora che mi ha aiutato anche senza carica in anticipo qui ci sono mail silvia19manecchi75@gmail.com z

    RispondiElimina

Puoi scrivere quello che vuoi, ma se è una sciocchezza magari la cancello.

Dimmi.

Offrimi un caffè

(se proprio insisti).